FESTIVAL 2008 ASPETTANDO 2008 SPONSORS E PATROCINATORI 2010 CONTATTI DICONO DI NOI 2008 VISIT PUERTO RICO CURIOSITA' FESTIVAL 2009 PROGRAMMA 2009 DICONO DI NOI 2009 FESTIVAL 2010 LA PARGUERA FESTIVAL 2014 GALLERIA FOTO 2014 DICONO DI NOI 2014 SPOTS 2014 SPONSORIZZATORI RIVISTA 2014 issuu FESTIVAL 2016


Una Bienvenida desde el corazón!



 

Sigrid Llavina



Mensaje

Pres.Capalbioart-LaParguera



San Juan, 22 de abril del 2008.



Estimado Hon. Marcos Irizarry,

Estimados amigos,



Esperando Capalbioart-laparguera (”Aspettando Capalbioart“) me parecía un sueño..muchas veces pensé a cuanto hubiera querido estar más cerca para poder disfrutar estos meses intensamente

junto a ustedes. Pero, esta oportunidad, ha creado un enlace y un contínuo contacto entre mi tierra y mis días, y puedo decir que decir que he estado viviendo otra vez en mi islita querida.


Nuevas amistades han surgido, nuevos perfiles de personas que en un modo o en el otro me han hecho sentir que ”ce la potevamo fare“ = ¡que lo podíamos lograr!!


Y aquí estamos, a pocos meses del inicio..en una espera maravillosa para compartir con ustedes nuestros talentos y las experiencias de la que llamamos, ”mi gente“ !! y la de otros Mundos que fueron en muchos casos, nuestros orígenes..


Una vez, de adolescente, un queridísimo amigo y compañero de escuela me dijo:-” pero entiendes la suerte que tenemos?“ y entre tantas, le pregunté cual? ......” - de haber nacido aquí, de haber nacido en esta tierra, en nuestro Puerto Rico.“


Recuerdo siempre esas palabras con emoción y con ternura, y cuando a menudo me preguntan de donde soy o cuanto tiempo llevo en el extranjero, mi respuesta es siempre la misma..vivo aquí, desde hace tiempo pero solo parte del día...


....el resto de mi día? ¡Pues.....lo paso en otro sitio.....ahí donde nací ....en mi Puerto



Roma,  22 Abril, 2008.





Gent.mo Hon. Marcos Turin Irizarry e tutti i nostri amici di Puerto Rico,

Estimados  Hon. Marcos Turin Irizarry y todos nuestros amigos de Puerto Rico,


Sarei voluta stare con Voi per iniziare ”Aspettando Capalbioart-LaParguera“ insieme a Sigrid e a tutti quelli che ci hanno creduto a questa nostra piccola avventura!


(Me hubiera gustado estar con ustedes para empezar ”Aspettando Capalbioart-LaParguera, junto a Sigrid y a todos aquellos que han creído en esta nuestra pequeña adventura)


Sono felice di aver potuto constatare la grossa disponibilità della cultura portoricana verso altri orizzonti e di questo, me ne ha sempre parlato Sigrid, fiera del suo popolo e della sua isola!


(Me siento feliz de haber podido confirmar la grande disponibilidad de la cultura puertorriqueña hacia otros horizontes y de ésto me ha siempre hablado Sigrid, orgullosa de su gente y de su Isla)


Vi aspettiamo l’anno prossimo a Capalbio e nel frattempo, che viva il festival!!

(Los esperamos el año próximo en Caparbio y mientras tanto, viva el festival!)


Lidia Tarantino

Pres. Capalbioart Cinema e Altro





Puerto Rico le ofrece increíble diversidad. En una isla pequeña, 100 millas de largo por 35 de ancho, usted podrá experimentar miles de años de historia y cuatro bien definidas culturas.

Investigue antiguos parques indígenas ceremoniales, compare dos de las iglesias españolas coloniales más antiguas y de interesante arquitectura, o vea una plantación de café del Siglo XIX. Explore un par de estructuras tipo castillo de las más grandes y complejas que los españoles hayan construído en el Nuevo Mundo, o únase a la era moderna visitando el radiotelescopio de Arecibo o la destilería de ron Bacardí.

Esto es tan solo un puñado de opciones de los tantos lugares que usted puede visitar en Puerto Rico. Le invitamos a separar algunos días, o algunas semanas, para explorar nuestra cultura e historia.


Puerto Rico (Esperanza BPPR)






En Porta del Sol usted encontrará algunas de las mejores playas para surfear. La zona playera comienza al este de Isabela y continúa alrededor de la costa hasta Añasco. Más adelante está la gran ciudad porteña de Mayagüez, con su renombrado zoológico, su histórico teatro y su hermosa plaza. Si continúa por esa costa, encontrará más playas, excelentes restaurantes de mariscos y sorprendentes bosques costeros. Por ejemplo, podría viajar desde la Reserva del Bosque Estatal de Maricao al Bosque Seco de Guánica. En toda el área encontrará Paradores y Mesones Gastronómicos, una Reserva Biosférica Mundial o un hermoso faro restaurado.


”Puerta de entrada a unas vacaciones de sol.“

Para más detalles sobre todo lo que Porta del Sol tiene que ofrecer, puede descargar la siguiente guía de viaje.




Lajas


El valle de Lajas es famoso por su cultivo principal, la suculenta y jugosa ”Piña Cabezona“. No pierda la oportunidad de degustar una en cuanto vea un puesto de venta. También se conoce como la ”Ciudad del Obispo“ ya que un antiguo obispo de la Iglesia Católica de Puerto Rico nació y se crió en Lajas.


Capalbio is situated on a woody hill 217 meters above sea level a short distance from the Via Aurelia. Until 1960 the territory of Capalbio was included within the Comune of Orbetello. The last patch of coast of southern Tuscany, Capalbio is characterised by low hills which taper off into a plain as they approach the sea. 

In remote times this plain was an extensive swamp bounded by sandy tombolos. This land, once plagued by malaria and roving highwaymen, preserves a multitude of animal and plant species which formerly populated the entire Maremma. Thanks to the abundance of game, especially boar, but also hares, wild rabbits, pheasants and swamp birds, hunting is widely practised in the area, and many dishes of the local cuisine reflect ths activity. The boar festival is heid each year in September.

 This traditional holiday at summer's end features performances by the "butteri," the Maremma's equestrian herdsmen. Mentioned for the first time as the property of the Abbey of the Three Fountains in a 12th century document, Capalbio subsequently belonged to the Aldobrandeschi of Santa Fiora, who long disputed its possession with the Comune of Orvieto, and then to the Orsini. 

In 1416 Capalbio came under the sway of the Republic of Siena, and the area began to develop. In 1557 the territory of Capalbio was annexed to the Grand Duchy of Tuscany, to which it belonged until 1860.

  In these three centuries of rule, Capalbio’s economic situation steadily deteriorated, leading to the depoputation of the countryside and, in the 19th century, the spread of roving brigands. In 1896, Domenico Tiburzi, the most infamous of the Maremma's bandits, was killed and buried in Capalbio.

  The town is compietely enclosed within a double set of Sienese walls, along which extensive stretches of the suggestive patrol bays can still be walked. Capalbio has a medieval town plan, with narrow, curved streets climbing to the top of the hill dominated by the Rocca Aldobrandesca. The double-bay Porta Senese, which is crowned by a tower, is the gateway to the historic centre.

 A marbie inscription on the gate commemorates the 1416 restoration of the walls by the Sienese. The road continues past the so-called Arco Santo (Holy Arch), capped by a marble bust of the Emperor Hadrian, and climbs to the Church of St. Nicholas, perhaps dating to the 12th century, standing at the foot of the rocca. The simple facade has an ogival portal topped by an inscription commemorating the enlargement and restoration of the church in 1466. 

The interior is a single-bay structure with a rectangular apse and side chapels. The Romanesque capitals with animal and plant motifs and several frescoes of the 15th and 16th century Umbrian school are quite interesting.

 Over the centuries Capalbio's Rocca has undergone continuous modifications which have gradually transformed it into a patrician residence.  A square tower with an inclined base rises directly in front of the Church of St. Nicholas. The Collacchioni Palace, built over the old structures of the castle in the early decades of this century, leans against the tower's north side. 

In the palace several rooms complete with their original furnishings can be visited. Among these is the socalled Sala Puccini, which preserves an Austrian piano from 1823 which the famous composer himself played. Outside the walls is the small Oratory of Providence.

  It is Renaissance in type and was heavily restored in the 19th century. Inside the oratory is an admirable fresco that has been attributed to a painter close to the circle of Pinturicchio representing the Madonna With Child Between Sts. Jerome and Sigismund. 

PESCIA FIORENTINA

To the east of Capalbio lies the hamlet of Pescia Fiorentina. Once the site of a customs house between the Grand Duchy and the Church State, iron-works were established here in the 15th century.  

To operate, the works exploited the energy of the Chiarone torrent, and they ere still partially visible, although converted into farms.  Situated in the nearby locality of Garavicchio is the Garden of the Tarot Cards, an original creation by the French artist Niki De Saint Phalle. Amidst hilly verdant woods stand the large polychrome sculptures covered in glass, ceramic and mirrors which were inspired by the 22 most important mysteries of the tarot deck.

LAKE OF BURANO

The road continuing along the coast past Capalbio Scalo reaches the Lake of Burano, a remnant of the vast swamp that once covered the entire plain. The swamp dried up because of the effects of the marine sediments and reclamation projects. The Buranaccio Tower stands at the centre of the narrow sandy isthmus separating lake from sea. 

The tower was built by the Spaniards in the 16th century to guard the southeastem border of the Garrison State. Now private property, the tower is a low, square construction with an access ramp crowned by brackets and crenellation and is simitar in type to the Rocca of Porto Santo Stefano.  The lake is home to the Lake of Burano Nature Preserve, created in 1967 and the oldest of the World Wildlife Fund's protected areas. 

 A multitude of bird species stop here, and aficionados can bird watch from special observation points. The provincial Pedemontana road leads to the Capalbiaccio Hill, today lying within the Capalbio Farm Holiday-Hunting Centre.

 On the grounds of the centre one can visit the extensive remains of the old Tricosto Castle, documented in the 12th century and destroyed by the Sienese in 1417. Amidst the thick vegetation lie the ruins of many collapsed structures and imposing vestiges of an enclosure wall and the walls of a church. 

On the Monteti Hill north-east of Capalbio stand the scant remains of a medieval settlement from which, tradition has it, the earliest inhabitants of Capalbio were descended.

 On the Via Aurelia, just prior to the border with Latium, is the elegant Villa Boncompagni, formerly a pontifical customs house near the then state boundary.





CAPALBIO-ITALY

Subiendo hacia el Castillo y el centro medieval con su magnifica Plaza





PRES. LIDIA TARANTINO- CAPALBIOART

Noche de inauguración  2007












Capalbio, piccolo borgo medievale costituisce l’ultimo lembo costiero della Toscana meridionale, nel cuore della Maremma, terra in cui si fondono in modo armonico gli aspetti più tipici della mediterraneità e quelli della terra in cui l’uomo ha speso molta fatica col lavoro. Sono evidenti qui le tracce di una storia profonda e misteriosa, dove la natura appare forte e selvaggia, ricca di contrasti tra il mare, la macchia, la campagna. 

In questa terra l’uomo e il territorio sono gli artefici di una storia antichissima dove gli Etruschi e poi i Romani hanno lasciato le loro tracce.

 

Nessuno è in grado di dire quando e da dove giunsero le genti che popolarono, sul finire del primo millennio cristiano, Cosa divenuta poi Ansedonia,  il castello romano di Capalbiaccio, e infine il colle di Capalbio, a presidiare un territorio coltivabile più ampio e più sano.

 

La macchia di Capalbio è ancora padrona del paesaggio, con il verde che varia in mille tonalità diverse e ci viene incontro subito fuori dal piccolo centro abitato, dopo pochi passi, carica di profumi e colori.

 

In questa terra sana e ridente, si avvicendarono dopo gli Etruschi  le fattorie della colonizzazione romana e le grandi ville schiaviste della Repubblica, si estese infine il latifondo delle immense tenute imperiali.

 

Franchi e Longobardi lasciarono pascolare in questo verde le loro mandrie e fondarono qui borghi e fortilizi.

Nel Medioevo poi la paura di incursioni nemiche fece chiudere i borghi in rocche, cosi le grandi famiglie feudali, sempre in lotta fra loro, trasformarono i castelli in fortilizi, come accadde a Capalbio e al Tricosto.

 

Giunsero poi altri dominatori. I potenti Senesi governarono la zona, sì, ma il territorio in realtà era invivibile, pieno di acquitrini che rendevano i luoghi malsani. Vi si moriva a ritmi impressionanti di tifo e di colera, di peste e di malaria.

 

La grande energia imprenditoriale dei Senesi fece sorgere ugualmente molte attività, come cave, fornaci, miniere, traghetti sui fiumi, ecc. In quel periodo partivano da Capalbio merci di ogni genere: lane, pesce, grano, ferro; sorsero intorno al castello, dentro le mura, case e casette, chiese e cappelle.

 

Sul finire del XV secolo vennero eretti nuovi edifici addirittura fuori dalle mura, intorno a orti e vigne, a fianco di fondi artigiani. Ai Senesi tennero dietro i Medici, ma poi, nel 1555, Capalbio si arrese agli Spagnoli che volevano il lago di Burano sia per la sua pescosità, sia per farne, probabilmente, un approdo munito e riparato. Infatti vi costruirono una torre fortificata.

I Medici, grandi signori della Toscana, cercarono, ma senza troppo successo, di risanare il territorio. Piantarono anche in Maremma pinete salutari e resero demaniali le grandi foreste di querce intorno ai preziosi forni fusori, che fecero di Pescia Fiorentina un importante centro siderurgico.

 

Agli inizi del 1600 il territorio capalbiese sembrava godere ancora di una relativa floridezza, ma i documenti successivi ci rivelano i segni di una generale decadenza:

diminuì la popolazione, la comunità si restrinse, le attività languirono, il borgo fuori dalle mura andò quasi scomparendo.

 

Esaurita nel 1737 la nobile casata Fiorentina, l’impero Asburgico si affacciò in Toscana con la casata dei Lorena. Non fu un cambio svantaggioso, perché Pietro Leopoldo, salito al trono, si adoperò subito per risanare più a fondo il territorio maremmano.

Mandò infatti in missione speciale, anche a Capalbio, il gesuita padre Ximenes; il quale ripartì disperato da queste terre tanto le trovò mortifere e malridotte. In compenso lasciò un’accurata relazione anche topografica dei luoghi visitati.

 

Nonostante tutto i Lorena vollero sanare la Maremma, prosciugare e rendere abitabile grandi estensioni di terreno: un’operazione economica di tutto rispetto.

Dopo il 1827 Leopoldo Il di Lorena fece tracciare un catasto meticoloso e iniziò l’opera di bonifica. Poi, nel 1859, anche la Maremma venne annessa al Regno d’Italia e le opere di bonifica proseguirono.

 

Nel 1860 si cominciò col chiudere completamente la foce del lago di Burano, togliendo ogni comunicazione tra il lago e il mare, certi che questo bastasse a scongiurare il paludismo; ma dopo poco ci si rese conto che non era così, e che  Capalbio era ancora una delle località più malsane della provincia.

  

Dopo la rivoluzione risorgimentale, le grandi casate dei Ricasoli, dei Ponticelli, dei Vivarelli Colonna, dei Collacchioni vollero che a completare la bonifica contribuissero ora le braccia dei contadini.

La piccola proprietà venne affossata con insostenibili carichi tributari e così, sul finire del secolo, a Capalbio la terra fu divisa in due grandi latifondi: quello dei Collacchioni e quello dei Vivarelli Colonna. I Collacchioni dimorarono nel castello di Capalbio, i Vivarelli Colonna nella grande villa di Pescia Fiorentina.

 

Le due immense proprietà si assomigliavano molto: pochi erano gli annessi rurali, rare case e capanne intorno all’immensa distesa di pascoli bradi e alla macchia, rotta a lunghi intervalli da qualche campo coltivato, poche le vigne e qualche uliveto.

Nella pianura, più vicino al mare, imperversava ancora la palude e il pantano.

Alle spalle del paese di Capalbio, che era tornato a chiudersi dentro le mura, si stendeva la macchia inestricabile e sinistra.

 

In questo periodo si sviluppò il fenomeno del banditismo che ebbe come incontrastato protagonista il brigante Tiburzi.  Era  nato a Cellere, un paese dell’alto Lazio nei pressi di Viterbo, e divenne in breve il re delle macchie e dei forteti di Capalbio.

La vita di Tiburzi è diventata leggenda e la sua fama di difensore dei poveri è giunta intatta sino ai giorni nostri.

 

ll latifondo venne condotto dai Collacchioni con tecniche di vera rapina nei confronti della terra, e deII’ambiente, al punto che i proprietari non ebbero più sufficienti capitali per reggere un territorio ridotto all’osso; fu cosi che Capalbio venne affittato alla Società Anonima Capalbio Roma, e poi Società Anonima Capalbio Redenta Agricola  (S.A.C.R.A).

 

La Maremma di Capalbio, suggestiva e pressoché intatta, continuò a stendersi per un altro mezzo secolo sotto il sole mediterraneo, con la sua flora e la sua fauna millenaria e le sue irriducibili zanzare.

Neppure il ventennio fascista, con tutti i suoi reclamizzati programmi di bonifica, riuscì a risanarla.

 

Passò la seconda guerra mondiale, che non causò danni troppo gravi, e non distrusse il centro storico. Nel borgo di Capalbio si svolgeva una vita modesta, fatta di poche e piccole cose quotidiane: gli asini nelle stalle, i bimbi nei vicoli, le massaie nelle povere case: vita tribolata, ma tutto sommato serena.

 

 

Nel 1951 per Decreto Presidenziale si ottenne la creazione dell’Ente Maremma, avvenimento importantissimo che modificò gran parte del territorio di Capalbio. Nacquero strade, case e la sua fisionomia cambiò. Per più di un decennio l’Ente Maremma espropriò, frazionò, bonificò e trasformò tutta la zona, assegnando terreni e case a una classe contadina che non era mai stata proprietaria di nulla.

 

 I risultati di questa lunga e faticosa opera ora bisogna constatarli di persona, con i propri occhi, di persona: non basta farseli raccontare. A percorrere oggi questa pianura fertile, dove abbondano colture, strappate con le unghie alle malsane Maremme, affiorano i ricordi e i dolori del passato, ma anche una lunga, lunghissima storia piena di suggestione e di mistero.

 

...ed ecco una Capalbio a Voi meravigliosa...piccola come La Parguera...piena di romanticismo...e di sapori simili nella sua antica gioventù..per questo motivo si è creato questa fantasia di vivere insieme un'avventura d'amore: capalbioart-laparguera....una rassegna ed altro, alla visione di tutti

 

 

 

CAPALBIO-ITALY

SALENDO VERSO IL CASTELLO ED IL CENTRO MEDIOEVALE DOVE SI TROVA LA FANTASTICA PIAZZA





PRES. LIDIA TARANTINO- CAPALBIOART

NOTTE D'INAUGURAZIONE 2007